Seguo giovani sportivi, ragazzi dai 14 ai 18 anni che praticano in maniera agonistica ciclismo, sci o calcio e atleti amatoriali che praticano sport aerobici, all’aperto o in palestra.

Propongo un percorso di riequilibrio alimentare su misura dell’età e dello sport che praticano ed un supporto nutraceutico ove ce ne sia bisogno, sempre in relazione ai bisogni degli sportivi.

Collaboro con personal trainers e preparatori, sia indirizzando le persone verso professionisti qualificati, sia lavorando in sinergia seguendo la parte di educazione all’alimentazione e di integrazione.

Informare e formare le famiglie o i singoli atleti su come l’alimentazione possa incidere sul  benessere, il recupero della forma dopo la prestazione. l’ottimizzazione dei processi metabolici, e su come anche la qualità dei cibi, la loro distribuzione, il modo di cuocerli (o non cuocerli) abbia la sua importanza.

Non si tratta di dieta (di competenza medica) se non nella sua accezione originaria di imparare a scegliere gli alimenti e gli stili di vita più in linea con il risultato che vogliamo ottenere.

Ancora oggi, soprattutto nelle famiglie dei giovani sportivi, si possono trovare abitudini errate: qualità dei cibi trascurata, pasti troppo abbondanti o ricchi di zuccheri, pasti fuori orario o che non rispettano la cronobiologia.

L’importanza dei grassi di buona qualità per uno sportivo (ma non solo) è fondamentale. Un buon apporto di omega tre garantisce anche una miglior prevenzione da problematiche infiammatorie, mentre l’utilizzo di grassi troppo ricchi di omega sei, soprattutto se di derivazione industriale, può risultare pro infiammatorio.

Cuocere gli alimenti in maniera tale che richiedano una digestione più facile per una corretta alimentazione pre- partita o prestazione, l’utilizzo di carboidrati complessi, magari assieme ad una piccola percentuale di proteine per stabilizzare la glicemia, evitando lo stato di ipoglicemia reattiva: consigli e suggerimenti che una volta diventati abitudini, si vanno a sommare alle buone pratiche da mettere in atto per ottimizzare il proprio benessere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *